YOGA DELLA RISATA

 

LARA LUCACCIONI, una ragazza molto determinata a ridere, con lo YOGA DELLA RISATA.

E’ un metodo efficace per ridere, facendo emergere un benessere in chi lo pratica e che non è provocato da stimoli comici esterni. Lo scopo è quello di  indurre una risata anche quando non hai voglia, per fare bene al corpo, alla mente e allo spirito, per poi imparare a farlo veramente.

Poi continuare a farlo quotidianamente come pratica. Direttamente dalle parole di Lara, il suo percorso di vita, e cosa l’ha portata a scegliere questo percorso.

 

STORIA

Mi chiamo Lara Lucaccioni, una laurea in lettere vecchio ordinamento e un dottorato di ricerca in Beni Culturali vinto con la borsa di studio. Il mio sogno era insegnare a scuola, in realtà, ma il potenziale lavoro in università era ambizioso ed emozionava e mi ci buttai a capofitto.

Dopo i 3 anni di dottorato… beh, semplicemente non ero la persona che doveva andare avanti. E per me è stata una bella sconfitta, molto dolorosa, che ora, a posteriori, ringrazio dal profondo, perché quei tre anni  di dottorato sono stati davvero molto stressanti, molto competitivi, faticosi.

Di sicuro non ero felice.Dopo il dottorato in realtà mi sono accontentata di fare la commessa in una libreria: mi occupavo del settore universitario e mi impegnavo molto per far crescere la libreria.

Ma alla fine ero una semplice commessa e dopo qualche anno sentivo di non potere più crescere, ero alla continua ricerca di cosa realmente fare nella mia vita.Ne ho provate tante: teatro, poesia, ho cantato in un gruppo, ho sempre cercato una via di espressione, grazie alla quale potere dare il mio contributo e magari fare la differenza.

Tutto è arrivato molto tardi. Mentre ero in libreria, Matteo Ficara, il mio consorte, iscrittosi tardi all’università, era un mio cliente, ma io non ero in grado di “vederlo”, ero “rallentata”. In qualche modo, invischiata in un tran tran di ripetizioni, di abitudine, di affanno a vivere nella normalità.

 

CAMBIAMENTI

Lara Lucaccioni: “La mia storia di cambiamento inizia esattamente 10 anni fa. Era un periodo di bassa energia, ma io non ne ero consapevole. Una sera la mia insegnante di Yoga invita un allievo di Osho che misura l’energia vitale attraverso una macchina chiamata Kirlian, una sorta di pedana dove salire a pieni nudi e lasciare traccia, una sorta di foto dell’energia, da esaminare poi.

Io semplicemente non lascio impronte,  non lascio traccia e quel tipo mi consiglia di sbloccare il mio sistema attraverso delle meditazioni di Osho, come la dinamica o la Gibberish, e, se proprio voglio essere sicura del risultato, di partecipare ad una meditazione residenziale di 3 settimane, la Mystic Rose. (l’ultima meditazione ideata da Osho, durante la quale la prima settimana si rideva in gruppo per 3 ore di seguito tutti i giorni, la seconda si piangeva e la terza si stava in silenzio, sempre per 3 ore.)

 

DIFFICOLTA’

Lara Lucaccioni: “Riesco con grandissima difficoltà a prendere le ferie per quelle 3 settimane e inizio un’avventura destinata a trasformare la mia vita. Lì, nella prima settimana dedicata alla risata, ho scoperto il potere incredibile della risata incondizionata, che nasce per scelta, senza uno stimolo comico.

Può essere prolungata quando si vuole, sempre scegliendo di farlo, che si propaga in maniera contagiosa di persona in persona, che cambia l’energia e la qualità della giornata e piano piano della vita. Lì ho scoperto il talento della mia risata contagiosa ed ho percepito forte e chiaro che lo volevo mettere al servizio.

Mi ricordo come se fosse ora l’interazione con un generale austriaco in pensione, che i primi giorni era una maschera e non riusciva a ridere, e che poi si è sbloccato anche grazie alla mia risata. E quando si comprende quali benefici incredibili si porta dietro la risata incondizionata, scegliere di praticarla è davvero un attimo.

 

TRASFORMAZIONE

Lara Lucaccioni: “Tornata a casa da quell’esperienza incredibilmente trasformativa, non mi ritrovo più nel lavoro in libreria. Se è possibile faccio ancora più fatica e inizio a frequentare Matteo, con il quale c’è un bel feeling, ma anche molte differenze. Forse ho sentito che era uno dei pochi a cui poter raccontare quell’avventura, quelle scoperte.

Ho subito pensato che era uno che poteva capire quel cambiamento. E parte una relazione che di sicuro non è facile, fatta di tira e molla, di fatica, che è decollata pienamente e con amorevolezza solo dopo la nascita di nostra figlia.

Spinta dall’accelerazione in atto, dopo alcuni mesi, davvero se ci penso ora non so con quale coraggio, ho lasciato la libreria e mi sono trasferita a vivere con Matteo, in un’ altra città.

Mi sono presa un anno sabbatico in cui comprendere cosa fare. E’ stato tutto molto difficile, anni di stenti, di fatica ad arrivare a fine mese, di ricerca e ricerca, di lavoretti. Sentivo forte il potere della risata, ma non sapevo cosa farci, e ancora la strada era davvero una nebbia da dissolvere.

 

OSTACOLI

Lara Lucaccioni: “Lo Yoga della Risata entra poi per caso nella mia vita due anni dopo la Mystic Rose, nel 2011. Faccio una ricerca in internet per un mio amico e scopro questa formazione di due giorni che si svolgeva nelle Marche. Mi iscrivo in un momento, come se fosse la cosa più naturale del mondo per me, e lo Yoga della Risata a quei tempi era ancora abbastanza pionieristico.

I miei inizi sono difficilissimi, non viene mai quasi nessuno ai miei incontri di gruppo settimanali e dopo quattro mesi di inizio stentato una sera arrivo nel centro dove tenevo le sessioni e sento che quella è l’ultima volta.

Mi ricordo come se fosse ora che, ancora non era arrivato nessuno, mi metto con la schiena a contatto con il radiatore e, piano piano, scivolo a terra, mi siedo e comincio a piangere a dirotto. Poi quella sera arriva una coppia di miei amici e facciamo la sessione in tre.

 

GRAVIDANZA

Due giorni dopo scopro di essere incinta e il giorno dopo ancora sono all’ospedale per una minaccia d’aborto fortissima. Resto a letto per 2 mesi e vivo uno stop forzato a causa della mia gravidanza, che è davvero complicata. Quando comincio a riprendermi, piano piano, vivo poi un evento ancora più traumatico, la rottura delle acque, in piena notte, al quinto mese, 20 settimane.

Vado diretta in ospedale, la dottoressa che mi visita si fa il segno della croce, ma la rottura sembra alta e parziale, cosi, inizia la mia permanenza in ospedale. Ho vissuto 5 settimane immobile a letto, con sempre meno liquido amniotico, che piano piano usciva e diminuiva, e alla fine per un’infezione mi fanno partorire d’urgenza.

La sera del parto dicono a Matteo che chissà se Beatrice avrebbe superato la notte. E invece insieme abbiamo superato  tante difficoltà e ora penso che mia figlia sia il dono più grande della mia vita, una vera e propria maestra di gioia e di entusiasmo. Ma a quei tempi non è stato affatto facile e ai miei inizi non mi sentivo proprio una buona madre…

 

 

YOGA DELLA RISATA

Lara Lucaccioni: “Uscita dal periodo buio del mio 2012 e parte del 2013 ricomincio a dedicarmi con più tenacia e consapevolezza alla risata. Uno dei punti di svolta avviene quando decido di partecipare alla formazione a Teacher di Yoga della risata nel 2014 in Austria, direttamente col medico indiano fondatore dello Yoga della Risata, il dottor Kataria.

E’ il viaggio della speranza, lo faccio con Matteo e Beatrice, perché ancora allattavo, lo faccio con gli ultimi soldi a disposizione, con un’auto vecchia che appena in Austria comincia a dare problemi. Ma è di sicuro il viaggio della svolta.

Per me è l’incontro con la fonte e comprendo che lo Yoga della Risata che stavo portando era poco aggiornato, che si poteva fare meglio e, colta da grande entusiasmo, inizio a dedicarmi a diffondere la disciplina in tutte le applicazioni che mi capitano.

Ed inizio a formare persone che possono condurre gruppi, che è quello per cui sono abilitata in questo corso da Teacher. Il mio sogno era che la mia regione avesse tanti club della risata, dal momento che non ce n’erano affatto. E questo è un po’ accaduto.

 

LA SVOLTA

Lara Lucaccioni: “Da lì ho messo tanta costanza e fiducia nella risata, impegno quotidiano nel diffonderla, tenacia, sessioni e progetti, a scuola, in casa di riposo, in azienda, presentazioni ovunque capitasse. E mi sono impegnata a diffondere lo Yoga della Risata attraverso tantissima formazione.

Ho formato negli anni centinaia di persone, seguendole con impegno e presenza, dando tutti gli strumenti in mio possesso per permettere loro di fare il proprio viaggio con più competenza possibile.Posso dire di non aver mollato mai, anche nei momenti più tosti, anche quando non c’era affatto riconoscimento, anche quando forse sarebbe stato più facile mollare.

Poi nel 2015 il viaggio in India per diventare Master e la formazione a mia volta dei Teacher, con corsi residenziali di 5 giorni. Potrei chiamarli magici per la relazione che si crea tra i partecipanti, in aula dalle 7 di mattina fino alle 23,  è dir poco.

Poi piano piano iniziano le conferenze e la mia presenza come speaker nei grandi eventi: vado alla conferenza mondiale di Yoga della Risata nel giugno 2017 in Germania e in Francia ad aprile 2018 e in ottobre organizzo il Congresso nazionale di Yoga della Risata in Italia.

 

HEARTMATTH ®

Contemporaneamente, intercetto il potere di un’altra pratica, legata al cuore e che permette di attingere alla sua intelligenza. Vedo in internet che esiste questo istituto, HeartMath®, che da più di 30 anni studia il cuore in tutta la sua complessità ed elabora tecniche per l’autoregolazione emotiva, gestire lo stress.

Potenziare la resilienza, ricaricare le batterie, gestire lo stress, potenziare la resilienza, comunicare efficacemente e potenziare l’intuito tramite la coerenza cardiaca. Sembra quasi un ponte tra scienza e spiritualità e mi attira tantissimo.

La formazione è solo in America e in inglese e  io non lo parlavo affatto bene, quando ho deciso di iscrivermi. E allora mi metto sotto, studio e studio. Mi ricordo che la prima call con la mia mentore americana l’ho fatta con una mia amica che mi traduceva…

E poi piano, piano, a forza di studiare, di vedere video, ascoltare audio, leggere in inglese, riesco a parlare e a comprendere, e nel gennaio 2018  volo in Florida e mi formo Trainer.

OGGI

Lara Lucaccioni: “Oggi sono la principale formatrice italiana di Yoga della Risata: formo abitualmente Leader – conduttori – e Teacher – formatori. Poi mi occupo di team building con lo Yoga della Risata e i giochi cooperativi (forse il riscontro più importante è stato lavorare in Microsoft.

La pratica è piaciuta molto e hanno chiesto altre sessioni, che ci saranno in questi giorni, sia a Roma, sia a Milano), e di gestione delle emozioni con le tecniche di autoregolazione emotiva di HeartMath.

Sto diffondendo la coerenza cardiaca, sono l’unica trainer italiana di HeartMath, e a Donna On. Ho portato proprio il lavoro sull’intelligenza del cuore e le tecniche di coerenza cardiaca.

 

PROGETTO

Lara Lucaccioni: “Il mio progetto ha a che fare con pratiche quotidiane in grado di portare beneficio sempre crescente. Sia la risata che la coerenza cardiaca sono semplici e brevi pratiche che, ripetendole ogni giorno, creano un nuovo standard psicofisico. Questo è anche riconosciuto dal cervello emotivo piano piano come familiare ed efficace ed efficiente.

Inoltre è in grado di ricaricarci e di permetterci di gestire con più centratura gli alti e bassi quotidiani e le emozioni forti.E’ come quando iniziamo ad allenare il corpo con il lavoro in palestra o una qualsivoglia attività fisica. Alleniamo il nostro corpo a diventare ogni giorno più flessibile e resistente. Ebbene, questo si può fare anche con le emozioni e lavorando sulle nostre tipiche reazioni alle difficoltà e agli elementi che ci stressano.

E’ come se, piano piano, ripetizione dopo ripetizione di pratica, il nostro cervello percepisse questo nuovo stato, più centrato, più armonico, più coerente, come quello abituale. Prima, magari ad un evento stressante avremmo reagito con eccesso di stress o addirittura andando in ansia.

 

QUANDO HO CAPITO CHE POTEVO FARCELA

Lara Lucaccioni: “Non c’e stato un momento ben preciso, ma un continuo crescendo. Sicuramente quando il dottor Kataria mi ha confermato che potevo andare in India per formarmi nel 2015, ho provato un’emozione gigante.Il mio  grande sogno.

Sapevo che ci volevano tre anni da teacher, invece dopo un anno e mezzo sono stata scelta per fare questa formazione. Un’abilitazione molto rara nel mondo che che permette di formare i Teacher, i formatori. Lì ho bruciato tutte le tappe.

Ho compreso che potevo farcela quando le mie formazioni erano apprezzate nelle varie conferenze. Inoltre ho partecipato anche a grandi eventi. All’inizio emozionata ed impacciata, ma pian piano sempre più sicura di me. Anche nel public speaking, ho fatto una incredibile trasformazione vista anche da chi  mi conosce bene.

Quello che mi ha aiutato più di tutto è stato condurre il Club della risata a Macerata. Tutti i mercoledì ero lì senza sosta. Pian piano mi sono fatta le ossa, e sono diventata più sicura di me e dei miei strumenti, riuscendo a comunicarlo sempre meglio. E’ un lavoro continuo e costante che prosegue senza sosta.

 

EMOZIONI POSITIVE

Lara Lucaccioni: “Mi occupo della gioia e delle emozioni positive. Mi alleno quotidianamente per dieci/venti minuti di risata incondizionata e con la pratica della coerenza cardiaca. Giorno dopo giorno sono sempre più sicura di me, più centrata, più chiara e armonica. Gestisco meglio le relazioni e sono più amorevole. Sento di avere più magnetismo e intuito attirando così situazioni più favorevoli.

Ho più energia e riesco a fare tantissime cose. Ora il mio obiettivo, che è già in azione da più di 6 mesi, è rallentare col lavoro e dedicare sempre più tempo alla mia famiglia. Soprattutto a mia figlia, che in passato ho trascurato, sbilanciando l’asse lavoro-famiglia.

Ora sento importante lavorare su un equilibrio possibile tra i due. Per qualche anno ho vissuto un disequilibrio tra vita affettiva e vita lavorativa, ma ora tengo d’occhio la sostenibilità familiare di quello che faccio. E comincio anche a dire dei no importanti.

L’invito è a generare bellezza e nutrire quello che fai il più possibile. Dopo un po’ si iniziano a raccogliere i benefici delle persone che si affidano ai nostri prodotti e/o servizi e piano piano si diventa sempre più sicure e sempre più un punto di riferimento. L’invito è ad essere nel dare, nell’innescare una spirale positiva, che di sicuro genererà abbondanza per tutti.

 

SACRIFICI

Lara Lucaccioni: “Di ostacoli  e sacrifici c’e ne’ sono stati tantissimi. Mi ricordo di un momento, credo fosse il 2011, quando, camminando lungo il mercato di Recanati, era un inverno freddo, non riuscivo nemmeno a permettermi l’acquisto di ciabatte calde per la casa.

Un altro stop l’ho vissuto quando al primo congresso italiano di Yoga della risata, ad ottobre 2014, l’organizzatore mi ha completamente ignorato, anche se il dottor Kataria mi aveva già nominato Ambasciatrice della risata.

Per me fu un durissimo colpo. Forse quel mancato riconoscimento mi ha spinto ad andare avanti con ancora più determinazione, a “meritare” di essere sul palco a condividere la mia esperienza.E da due anni a questa parte sono io addirittura ad organizzare il Congresso italiano.

Le rinunce sono state principalmente a livello familiare. Per qualche anno ho messo al primo posto il lavoro, grazie al supporto di Matteo. La sua vicinanza mi ha permesso di andare in India 3 settimane, senza mia figlia, per una formazione per me cruciale.

 

VITTORIE

Lara Lucaccioni: “I traguardi sono tantissimi, non li conto più. Una bella soddisfazione è stata organizzare il congresso italiano di Yoga della Risata. Anche andare in America per formarmi con l’HeartMath Institute e rappresentarlo in Italia. Credo molto che  il potere del cuore, la sua intelligenza, l’intuito che cresce attraverso le pratica quotidiana, possano fare sempre più la differenza nelle nostre scelte quotidiane.

E son sicura che sempre più persone riusciranno a portare la pratica nella routine giornaliera, con effetti strabilianti.

Un altro traguardo a cui tengo molto è la certificazione a Genio Positivo col  network di 2bhappy, che sta’ mappando le organizzazioni positive Italiane. Inoltre sta’ mettendo in rete i trainer che operano in questo campo. La felicità prima di tutto per tutti è il grande obiettivo. Io con le fondatrici di 2bhappy risuoniamo sulla stessa lunghezza d’inda, ed in maniera profonda.

 

FUTURO

Lara Lucaccioni: “Vorrei continuare ad esplorare pratiche potenzianti, lavorare sempre di più a portare felicità ai singoli e alle organizzazioni. Poi continuare a diffondere il potere della risata incondizionata e quello della coerenza cardiaca.

Sto anche collaborando sempre più con Matteo, che si occupa di Immaginazione, e credo che il sodalizio lavorativo si cementerà ancora di più. In arte insieme siamo i “Ficaccioni” (Ficara+Lucaccioni) e gestiamo due gruppi FB insieme.

WEB

Lara Lucaccioni: “Devo tantissimo al Web con il mio BLOG in cui scrivo tantissimo di Yoga della Risata, scienza della felicità, intelligenza del cuore e coerenza cardiaca, emozioni positive.

Racconto le storie di cambiamento di chi incontro ed inizia a praticare. Ho una PAGINA FACEBOOK molto seguita, in cui tengo due dirette a settimana di 20 minuti di risata. Un CANALE  YOUTUBE, mi piace connettere le persone. Mi piace condividere, mi piace che le informazioni importanti circolino.

Ho una grande passione per il Web marketing e per la scrittura. Sono una grande curiosa e cerco sempre di essere aggiornata,  questo unito al fatto che sono sempre pronta ad approfondire e a studiare, abbiano fatto la differenza nella mia vita.

Mi piace tantissimo la ricerca e comunicare condividendo quello che scopro. Tutto questo è arrivato dopo il tezcher training  austriaco. Mi ricordo del dottor Kataria ci disse : “La macchina fotografica deve diventare la vostra miglior amica”.  Io invece non avevo nemmeno la mia foto sul profilo Facebook. Volevo rimanere nell’invisibilita’. Da allora ho iniziato a fotografare i miei incontri e pubblicarli sui social, e non ho più smesso.

 

STRATEGIA

Lara Lucaccioni: “Credo che la mia strategia sia fatta di costanza, entusiasmo, pratica e uso dei social. Poi tanto ha fatto anche il passaparola. Una volta che formo le persone, mi piace accompagnarle, seguirle, stimolarle a fare. E’ un continuo dedicarmi, che per me fa parte del mio lavoro e che considero imprescindibile.

Insomma, fatto un corso, per me non finisce lì, anzi, per me quello è un’inizio della relazione con chi formo.

A volte percepisco lo stupore dall’altra parte, quando si viene contattati. Per me la relazione è davvero importante ed ho una grandissima memoria riguardo alle varie storie e alle varie esperienze.

 

CONSIGLIO PER LE DONNE

Lara Lucaccioni: “Il mio consiglio è avere chiaro il proprio proposito. Il mio è quello di diffondere la felicità attraverso pratiche quotidiane in grado di potenziarla. Visto che è una competenza e la si può allenare sempre più. Una volta che hai chiaro il proposito e sei allineato ad esso tutto fluisce.

 

Il secondo consiglio per me fondamentale, basta che ci metti un po’ di energia (e quello che insegno sono proprio pratiche che aumentano l’energia). Poi è fatta, piano piano arriva tutto, basta che abbiamo fiducia e continuiamo a crederci e ad impegnarci, quotidianamente, tutti i giorni, senza mollare mai.

 

PINKIE: ”  GRAZIE A LARA PER AVER CONDIVISO ED ARRICCHITO QUESTO BLOG.

Pinkie Blogger

Sarò felice se vorrai contribuire con un tuo commento, o con un suggerimento ad arricchire questo blog. Questo mi aiuterà a migliorare i miei articoli e sarò felice se vorrai farlo. Questo è il mondo delle donne coraggiose che si mettono in discussione, si uniscono e vincono!!

Chi Sono